Altre società e Calcio a 5

La Virtus Andria batte con facilità la Soccer Modugno e conquista la prima vittoria in campionato

Una rete per tempo: Loconte e Montrone le marcature.

Redazione
10.10.2017 18:00

Terza giornata del campionato di Prima Categoria girone A, al “Fidelis” di Andria c’è la sfida tra i padroni di casa della Virtus Andria e la Soccer Modugno. I biancazzurri allenati da mister Biancofiore vogliono il riscatto dopo l’immeritata sconfitta di Apricena mentre gli ospiti di mister Ingrosso, reduci dalla vittoria interna contro il Borgorosso Molfetta vogliono confermarsi.

Biancofiore conferma il 4-4-2 per i suoi con Campanile preferito a Simone tra i pali, difesa da destra a sinistra con Antonio Addario, Abruzzese, il rientrante capitan Frezza e Lops, a centrocampo agiscono Nesta e Saverio Addario al centro con le novità D’Ambrosio a destra e Salvatore Montrone a sinistra. La coppia d’attacco è la stessa della gara di Apricena con Coratella e Loconte. Gli ospiti schierano l’under classe ’98 Muci in attacco a supporto di Lavolpicella.

La gara inizia e la Virtus cerca subito di imporre il suo gioco. Intorno al quarto d’ora arriva l’episodio che scuote il match: Coratella va via sulla fascia destra e trova D’Ambrosio che calcia col destro e trova l’opposizione di un difensore ospite in area di rigore, l’intervento è scomposto e con il braccio, per il direttore di gara, Dediu di Foggia è calcio di rigore. Dal dischetto Checco Loconte non sbaglia e porta in vantaggio gli andriesi. Uno a zero e seconda rete in campionato per il n. 29 biancazzurro. La squadra di casa mantiene il pallino di gioco e non rischia mai, mantenendo una certa solidità difensiva al cospetto di un Modugno volenteroso ma che non crea grattacapi alla squadra di Biancofiore. Il primo tempo scivola via con la Virtus in vantaggio e la prima frazione di gioco termina sul risultato di 1-0.

Parte forte il team biancazzurro che in avvio di ripresa, esattamente al 2’ trova il raddoppio grazie a Salvatore Montrone che sotto porta mette dentro sfruttando un cross dalla sinistra con la difesa ospite sorpresa da una veloce sortita offensiva. Il doppio vantaggio mette i biancazzurri in uno stato di tranquillità, così la Virtus amministra la gara e al 57’ sfiora anche il tris: cross di D’Ambrosio dalla sinistra e Coratella al volo di destro scaglia un tiro che si stampa sulla traversa e torna in campo. Poteva essere un gran gol ma solo la sfortuna ha negato la gioia del gol al n. 10 andriese. Il Modugno opera tutti e 5 i cambi a disposizione e pur mettendo in apprensione la difesa di casa ma operando un forcing sterile non riesce a trovare il gol della bandiera, anzi al minuto 76 gli ospiti restano in dieci uomini per il rosso diretto comminato al neo entrato Mesecorto, reo di aver protestato all’indirizzo del direttore di gara.

La Virtus non rischia e porta a casa i primi meritati tre punti. Una buona prestazione nel complesso per gli andriesi che sono stati letali grazie alle accelerazioni dei suoi esterni e ad una discreta priva di squadra. Il rientro dell’esperto Frezza in difesa si è fatto sentire e la sensazione è che i biancazzurri inizino ad ingranare in questo difficile torneo. Da rivedere la prestazione del Modugno che ha dimostrato volontà ma non ha mai dato l’impressione di poter pungere gli andriesi.

Dopo questa gara vittoriosa, per la Virtus ci sarà la trasferta di domenica prossima a Foggia contro il Celle di San Vito. Il Modugno invece giocherà tra le mura amiche contro il Canosa.

Reggina, mister Maurizi: "Affronteremo una Fidelis che non propone gioco. In palio tre punti importanti"
Fidelis, il difensore Rada: "Siamo tutti arrabbiati. È bello giocare ad Andria. Fischi di sabato? Ci spronano"