Primo Piano

Le ultime: Cosenza, si punta sulla continuità con Baclet punta centrale. Fidelis, Quinto recuperato, ballottaggio in difesa

4-3-3 per ambo i tecnici: mister Fontana può contare su tutta la rosa, out Colella tra i federiciani.

Nicola Massaro
15.09.2017 18:00

Foto di Domenico Polichetti / TuttoFidelis.it

Contro la Fidelis Andria lo staff tecnico del Cosenza potrà nuovamente contare, dopo una squalifica, sul terzino Angelo Corsi che con ogni probabilità si accomoderà in panchina assieme al mediano Massimo Loviso e all'esterno Giuseppe Statella, ex di turno, entrambi non al meglio dal punto di vista fisico. Mister Gaetano Fontana dovrebbe poter contare su tutti gli effettivi a disposizione. L'allenatore sembra orientato a confermare gli 11 titolari che sono scesi in campo nel match pareggiato contro il Matera. Dal punto di vista tattico, dunque, i calabresi si schiereranno con il 4-3-3. Tra i pali ci sarà l'estremo difensore, andriese purosangue, Pietro Perina. In attacco, invece, agirà come unica punta dovrebbe Allan Baclet.

Dall'altra parte i federiciani, in tale trasferta, non potranno ancora contare sulle prestazioni del difensore centrale Danilo Colella. Non convocati, invece, il portiere il portiere Antonacci, il difensore Alessandro Celli e i centrocampisti Leonardo Di Cosmo e Giuseppe Ippedico. Anche mister Valeriano Loseto schiererà i suoi con il classico 4-3-3. Recuperato, dopo il problema accusato ad un polpaccio contro la Casertana, il play Marcello Quinto che sarà regolarmente schierato. Unico dubbio al centro della difesa: Giacinto Allegrini e Andrea Tiritiello si contendono un posto al fianco di Ionut Rada con il primo in leggero vantaggio. Per il resto dovrebbe essere confermata l'ultima formazione scesa in campo con i campani: in attacco, dunque, Riccardo Lattanzio e Marks Barisic supporteranno l'unica punta Antonio Croce

Fidelis, l'ex Doronzo spiega: "Onescu? Non avrei mai pensato di portarlo a Catanzaro. Era incedibile, poi..."
Caso Vibonese, altro colpo di scena: accolto il ricorso di FIGC e Lega Pro. Tutto nuovamente rinviato