Primo Piano

Il ritorno di Riccardo Lattanzio. Doppietta e voglia di riscatto.

Tra gli aspetti positivi di questo avvio di anno solare c'è proprio il ritorno al goal dell'attaccante andriese purosangue.

Riccardo Alicino
25.01.2018 11:00

Foto di Emmanuele Mastrodonato / TuttoFidelis.it

Non sarebbe potuto cominciare meglio il 2018 della Fidelis Andria. La squadra ha iniziato il nuovo anno cosi come lo aveva chiuso, con una vittoria che muove la classifica e dà morale alla squadra. Un protagonista indiscusso del match è stato Riccardo Lattanzio. Parlare dell'attaccante non può far altro che riportarci alla stagione 2014-2015, nella quale l'andriese purosangue fu uno dei più importanti protagonisti della storica cavalcata che riportò, dopo soli due anni, la Fidelis tra i professionisti

Ovviamente i tempi sono ben diversi, la squadra è in Serie C, in una posizione di classifica del tutto differente e con un umore dalla piazza che, soprattutto negli ultimi mesi, si sta affermando come tutt’altro che felice. Un avvio di campionato poco soddisfacente e al di sotto delle aspettative quello vissuto dal calciatore e dalla Fidelis in generale. Nelle ultime partite, però, qualcosa sta cambiando, si iniziano ad intravedere importanti segnali di speranza che fino a poco fa erano da molti addirittura messi in discussione.

Tra le note positive di questo inizio di 2018 non può che esserci la punta andriese, tanto voluto dalla piazza, quanto messo in discussione per le prestazioni altalenanti e per i pochi gol segnati fino ad ora. Da sempre uno dei punti deboli della Fidelis è l’attacco e di questo in giro ne sentiamo parlare da un bel po, tanto da aver esaurito risposte o pensieri da condividere in merito. “Servono i gol”, “Servono attaccanti importanti”. Queste le più diffuse affermazioni. 

Nonostante critiche e contestazioni della piazza la formazione azzurra non è crollata, forse anche grazie a mister Papagni. In primis non è crollato Riccardo Lattanzio che più di tutti sente l’orgoglio andriese e l’amore per quella maglia che suda ogni domenica. Lui, come pochi altri, si è preso le redini della squadra segnando un’importante doppietta in quel di Caserta, che hanno permesso di portare a casa tre punti importantissimi ai fini del raggiungimento degli obbiettivi stagionali.

Lattanzio ormai lo conosciamo, ha importanti caratteristiche, fisiche e tecniche, oltre che quella voglia di segnare invidiabile da molti. Ha vissuto settimane difficili nei mesi passati, proprio perché quel gol sembrava non arrivare mai. Il suo ritorno al gol, per altro con una doppietta, non può che essere un importante fattore ai fini del raggiungimento della salvezza che solo con la giusta cattiveria si riuscirà a conquistare.

L’Andria ha bisogno di punti, quindi di gol. Gol che, come dimostrato domenica sera contro la Casertana, possono arrivare anche dai piedi di Lattanzio… e chissà, forse un giorno sentiremo la gente ricordarlo come il salvatore della stagione corrente, il “San Riccardo” del 2018, ma con addosso la maglia biancoazzurra.

Fidelis mai sola: a Caserta 150 supporters al seguito
Oggi seduta pomeridiana al Degli Ulivi: mercoledì piscina per Quinto