L'Analisi

Fidelis, cuore impalpabile

Brutto derby e scarsa condizione mentale: la sosta ora deve portar consigli

Antonio Ventola
13.02.2018 10:00

Impalpabile. Questo è il giusto aggettivo da affibbiare alla prestazione della Fidelis Andria nel derby contro il Monopoli. Squadra scarica mentalmente e poco reattiva sulle seconde palle, che cede il passo a testa bassa ad un Monopoli invece cinico e voglioso. Nel pre-partita Papagni aveva rievocato il match contro l'Akragas: l'Andria però ha preso le parti dell'Akragas in quel 0-5 siciliano, e per fortuna il Monopoli non presentava in rosa uno Scaringella. 

Sembra quasi chiaro che gli equilibri di questa rosa siano sottilissimi. Basta una sola prestazione negativa, un solo giocatore al 90% e tutta la formazione in campo ne accusa. E pure tremendamente. Parliamo di domenica: non la migliore partita di Lobosco dopo le prime quattro onestissime apparizioni. Beh, la fascia sinistra del campo pareva collassata, come se un cancro affliggesse il fianco di un uomo ormai in decadenza. Nessuna reazione all'errore del compagno e, difensivamente parlando, con la testa in balia del cinismo avversario. Tutti bruttissimi segnali in chiave salvezza. La soluzione? Intanto aspettiamo il rientro degli infortunati. 

C'è qualcosina di positivo però. La prima si chiama Cilli: a parte i due goal subiti (4 nelle ultime 2 gare) non fa rimpiangere l'assenza di Maurantonio fra i pali con guizzi degni dell'attuale numero "1" biancazzurro. Scelta ottima della dirigenza in quel reparto, che ha voluto affiancare un veterano ad un portiere, che non ci dimentichiamo, è un '95. E poi, proprio sforzandonci, abbiamo visto un leggero miglioramento in Antonio Croce. Sarà stato lo status di ex di turno, sarà stato un campo con la quale ha confidenza, ma il sottile upgrade sotto l'aspetto fisico e mentale c'è stato: ora però deve esserci quello tecnico e, soprattutto, realizzativo. 

Ed ora è penultimo posto. Chissà che la sosta non porterà consigli per affrontare a Pagani un match che si può considerare vero crocevia stagionale per i biancazzurri. La stagione dell'Andria si deciderà nelle prossime settimane: la Fidelis è attesa al varco e non può più concedere nulla. 

La Nuova Andria espugna il Fanelli: battuto di misura l'Orta Nova
Fidelis, doppia seduta oggi a Palese. Alla ripresa gruppo diviso, in 2 ancora a parte