Primo Piano

Cosenza - Fidelis Andria: risultato omologato e ricorso rigettato

I cosentini, dopo un presunto errore tecnico dell'arbitro, hanno deciso di affidarsi al Giudice Sportivo con l'intento di rigiocare il match

Nicola Massaro
03.10.2017 09:15

Foto di Ernesto Pescatore / TuttoFidelis.it

Reclamo respinto e risultato convalidato. Dopo la gara tra Cosenza e Fidelis Andria,  terminata 1-1 e disputatasi lo scorso 16 settembre presso lo stadio San Vito, la società calabrese ha annunciato di aver effettuato reclamo con l'intento di rigiocare il match "per errore tecnico del direttore di gara, causato dal fischio anticipato della fine dell’incontro in questione e dalla ripresa del gioco in mancanza di un componente di una delle due squadre (il portiere Roberto Maurantonio in forza ai pugliesi, ndr) in campo”.  Il Giudice Sportivo, tuttavia, ha rigettato il ricorso in quanto il club cosentino "non può lamentare alcun danno dallo svolgimento dei fatti".

Tale decisione, in particolare, è stata presa poichè "le motivazioni addotte dalla reclamante, già deboli e velleitarie, sono state smentite dalle puntuali precisazioni del direttore di gara" il sig. Davide Curti della sezione di Milano il quale ha asserito che "la gara è stata regolarmente portata a termine", "l'anticipata chiusura della gara è stata causata dal blocco del cronometro" e "non ha dovuto ricorrere alla sostituzione del suo cronometro con quello di riserva o con quello di un suo assistente, in quanto dopo averlo azzerato il cronometro ha ripreso a funzionare regolarmente". Inoltre per quel che riguarda la presunta violazione della regola 7 punto 1 AIA inerente la durata delle gare "appare inappropriata, in quanto la stessa si riferisce alla durata canonica dei 45 minuti per tempo, e non è estensibile al tempo di recupero, la cui durata è rimessa all'esclusivo ed insindacabile giudizio dell'arbitro". Sulla vicenda inerente portiere della Fidelis, inoltre, il Giudice Sportivo segnala che "tale episodio, sia nella sua assenza alla ripresa della gara che nella mancata ammonizione, non ha minimamente pregiudicato il potenziale tecnico della squadra del Cosenza". Di conseguenza quest'ultima "non può lamentare alcun danno dallo svolgimento dei fatti qui esaminati".  

Fidelis, nelle tre trasferte consecutive supporters sempre al fianco
Giudice Sportivo girone C: Sarao del Monopoli squalificato per due giornate, ammenda per il Lecce.