Primo Piano

Fidelis, attacco poco prolifico: sono solo 6 le reti fatte. Terzo peggior attacco del girone C: serve la svolta

Ad incidere l'avvio difficile della punta Croce e non solo...

19.10.2017 18:00

Foto di Domenico Polichetti / TuttoFidelis.it

La Fidelis Andria ha problemi nel concretizzare le occasioni da goal. La squadra azzurra, come risaputo, fino ad ora non è riuscita a vincere in campionato, questo perchè è poco incisiva sotto porta. I numeri parlano chiaro: la squadra federiciana possiede attualmente il terzultimo attacco del girone C di Serie C con 6 reti all’attivo di cui solo 1 siglata nelle ultime 5 gare. Peggio degli azzurri solo il Cosenza con 5 goal fatti e il Racing Fondi, prossimo avversario dei federiciani, con 4 reti. 

Indubbiamente a pesare è stato l’avvio di stagione difficile della punta Antonio Croce, condizionato dall’operazione per la pulizia del menisco effettuata in estate che lo ha portato a ritardare la preparazione ed elemento cardine sul quale la società ha puntato sin da inizio annata per la linea offensiva. Sulle sue prestazioni, come dimostrato sabato scorso contro la Reggina, sta incidendo anche il nervosismo per questo inizio arduo che l'ha portato ad effettuare un gesto da condannare ai danni del portiere avversario. Bisogna aggiungere, poi, anche la difficoltà nel concretizzare da parte degli altri componenti dell’attacco dai quali ci si aspettava maggiore influenza, a partire dall’andriese Riccardo Lattanzio, sfortunato nel colpire un palo nell'ultimo match, e continuando con l’esterno Marks Barisic che dopo un inizio nel quale ha siglato 3 reti in 4 gare tra Coppa Italia e Serie C ha avuto un calo complessivo di rendimento. C’è, infine, da sottolineare come tra le pedine esperte del reparto una non ha ancora potuto far ammirare le proprie qualità: parliamo di Enis Nadarević, esperta ala che al momento è sceso in campo solo per pochi minuti, complice alcuni acciacchi di troppo, ma che sembra essere vicino al rientro. 

Attualmente, dunque, la Fidelis ha bisogno per uscire da questo momento di crisi di essere maggiormente cinica sotto porta, sperando di poter contare su tutti gli effettivi nel minor tempo possibile. In tutto ciò non può mancare, comunque, una nota finale di merito nei confronti di Michele Scaringella: il calciatore 22enne, lo scorso anno nel Corato in Promozione, ha dimostrato di essere un attaccante di qualità e affidabile e sul quale poter puntare, siglando siglato 2 reti nella prima esperienza tra i professionisti.

Serie C 2017/2018: ecco tutti gli allenatori. Sale a 10 il numero degli esoneri
Rifinitura questa mattina per la Fidelis: mister Loseto dovrà decidere la formazione da schierare