Interviste

Fidelis, il difensore Rada: "Siamo tutti arrabbiati. È bello giocare ad Andria. Fischi di sabato? Ci spronano"

Il difensore, ai microfoni della trasmissione Pane, Amore e Fidelis in onda su Telesveva, ha analizzato il momento.

Nicola Massaro
10.10.2017 17:00

Foto di Domenico Polichetti / TuttoFidelis.it

La Fidelis Andria è a caccia di vittorie. La squadra azzurra sabato scorso contro la Paganese ha provato a conquistare i primi 3 punti stagionali, ma si è dovuta accontentare del pareggio. Decisiva la poca incisività sotto porta nonostante le tante azioni che si producono: “Siamo una squadra e dobbiamo ragionare come tale - ha asserito a  Pane, Amore e Fidelis, trasmissione di Telesveva, il difensore federiciano Ionut Rada -. In questo momento non arrivano i goal e la vittoria e per questo tutti siamo arrabbiati. L’importante, in ogni caso, è crescere. Noi in settimana lavoriamo per il successo: non è ancora arrivato, ma credo che siamo sulla buona strada”.

Al termine del match contro i campani la squadra è uscita tra i fischi del Degli Ulivi. Un gesto, quello della tifoseria andriese, che sottolinea il malcontento per il mancato successo contro un avversario alla portata: “Credo siano stati giusti - ha poi continuato lo stopper -. I supporters andriesi sono esigenti e così ci fanno capire che dobbiamo impegnarci ancora di più. L’amarezza non è solo del pubblico ma anche nostra. Abbiamo rispetto della tifoseria che ci supporta sempre durante le partite e ci segue anche in trasferta. L’importante, ora, è essere uniti e andare avanti. I risultati positivi arriveranno, ne sono sicuro. Nel calcio è bello giocare con tifoserie come quella di Andria che a prescindere dal momento - ha concluso lo stopper - rimangono accanto alla squadra”.  

Reggina, mister Maurizi: "Affronteremo una Fidelis che non propone gioco. In palio tre punti importanti"
Fidelis oggi pomeriggio amichevole al Degli Ulivi contro la Virtus Andria