Stranger elevators: le cose più assurde successe in ascensore

96
ascensore

Che gli ascensori siano uno spazio condiviso ma, al tempo stesso, ristretto ed in grado di offrire un certo riparo da occhi indiscreti, si sa. Quello che forse non sai è che, forse proprio queste sue antitetiche caratteristiche, spingono la gente a fare vere e proprie follie.

Lo sanno i pubblicitari che sfruttano l’ambiente quasi fosse il vero protagonista delle loro campagne pubblicitarie e lo sanno tutte quelle persone che, loro malgrado, sono state sorprese a fare stranezze tipo parlare da soli, ballare o… beh, ci sono anche coppie che hanno deciso di dare libero sfogo all’attrazione provata reciprocamente trasformando l’ascensore in un ambiente vietato ai minori di 18 anni.

Quel che è certo è che una piccola follia è sempre concessa, soprattutto quando c’è una buona rete di salvataggio a farci sentire protetti. E’ il caso degli ascensori per condominio Novaelevators perché offrono soluzioni per tutte le esigenze, sempre all’avanguardia in fatto di design e sicurezza.

Vediamo insieme le cose più assurde successe in ascensore!

Ascensore o set per selfie?

Chiara Ferragni ed il compagno Fedez hanno fatto da apripista. La moda del selfie in ascensore impazza ed è diventata virale. Avere un ascensore per condominio bello da vedere e con un design curato è la fondamentale premessa alla buona riuscita del selfie. Dopo Chiara ed il marito Fedez sono sempre più le influencer che decidono di documentare il loro look of the day sfruttando specchi e luci in ascensore. Pensaci quando domani mattina uscirai per andare al lavoro, potresti diventare la prossima star del web.

Ascensore o scale?

No, questa volta non parliamo di sicurezza o incidenti, ma di marketing e salute. Una nota casa farmaceutica ha infatti pensato di rimarcare l’importanza dell’esercizio fisico (associato all’assunzione delle loro vitamine). Per scuotere le coscienze di tutti i più pigri, ha installato in un ascensore un pannello con delle finte scale.

Ingegnoso non trovate? In questo modo, una volta chiamato l’ascensore al piano, verrà il desiderio di adottare una soluzione più salutare e prendere le scale. Tranquilli, lo sappiamo, passa in tre secondi netti. Soprattutto quando si arriva carichi di buste della spesa.

Sotto il segno della pecora

Chi ama la letteratura surreale dello scrittore giapponese Murakami avrà sicuramente colto l’allusione. A volte, però, la vita reale ci sorprende più della letteratura. Devono proprio aver pensato questa cosa i clienti dell’Premier Inn di Holyhead, in Galles.

Davanti alle porte dell’ascensore dell’hotel hanno infatti trovato… Una pecora! L’insolito ospite se ne stava placido di fronte alle porte dell’ascensore e sembrava proprio sette aspettando l’apertura delle porte per salire al piano.  Impossibile non rimanere stupiti e, al giorno d’oggi, ancora più impossibile non filmare tutto con lo smartphone per pubblicarlo sui social. Ecco dunque come la pecora vagabonda è diventata più virale della Ferragni.

Ovviamente, dopo i primi attimi di stupore, il responsabile dell’albergo si operato immediatamente per capire da dove arrivasse la pecora e, soprattutto, come restituirla sana e salva ad un ambiente per lei più idoneo.

E’ bastata una breve ricerca per scoprire che la pecora era fuggita da un campo situato nei pressi dell’hotel per poi rifugiarsi tra le porte automatiche della struttura alberghiera. Ecco dunque che anche la povera pecora vagabonda ha potuto avere il suo lieto fine ed è stata riaccompagnata al suo gregge.

Ascensore: pubblicità da brivido

Una famosa scuola di paracadutismo ha pensato bene di farsi pubblicità sfruttando l’altezza degli ascensori per far provare il brivido e l’adrenalina che sono in grado di offrire alla loro clientela.

Avreste il coraggio di salire su un ascensore come questo?

Candid Camera in ascensore

Il marketing è spesso un concentrato di creatività e trovate assurde. I pubblicitari a volte farebbero di tutto pur di rendere virali le loro campagne, persino giocare con la paura della gente. Devono proprio aver pensato che valesse la pena superare i limiti i creatori di una particolarissima candid camera messa in atto per promuovere l’uscita del film Dead Man Down.

Protagonista assoluto un ascensore! Al suo interno, due figuranti che inscenano un tentativo di omicidio. Tutte le persone che si apprestavano a salire sull’ascensore, all’apertura delle porte, si trovavano davanti, ovviamente completamente ignari del fatto che fosse una messinscena, un uomo intento a strozzare la sua vittima con un laccio.

La pubblicità è diventata virale ed il video ha fatto il giro del web. Come si sono comportate le persone che si sono ritrovate ad essere involontari personaggi di una campagna di marketing? Avevano pochi secondi per decidere il da farsi e, davanti a loro, due uomini che lottavano per la vita.

C’è anche chi ha deciso di filmare il tutto prima ancora di chiamare i soccorsi ma, d’altronde, siamo nell’epoca del virtuale e, possibilmente, virale!