Il lavoro non ti ama. Sarah Jaffe e la sua visione sul ruolo dell’occupazione

116
libri

È appena uscito e puoi trovarlo in tutte le librerie: Il lavoro non ti ama. O di come la devozione per il nostro lavoro ci rende esausti, sfruttati e soli è un volume scritto da Sarah Jaffe ed edito da Minimum Fax, in cui l’autrice si propone di presentare ai lettori la sua visione alternativa del ruolo del lavoro nella vita quotidiana. Partendo da quello che per molti è divenuto una vera e propria legge, ovvero lo slogan “Fa ciò che ami e non lavorerai nemmeno un giorno della tua vita”, questo volume è una guida attenta e controcorrente rispetto a molti dei dettami capitalistici e neoliberisti che ogni giorno plasmano le nostre vite. Ma di cosa parla esattamente? Vediamolo più nel dettaglio.

Breve riassunto dei contenuti del libro di Sarah Jaffe

L’idea centrale intorno al quale Sarah Jaffe sviluppa le proprie riflessioni è quella che vede il lavoro inteso come “missione”. Un modo di vivere l’attività lavorativa a dir poco tossico, che si manifesta ogni giorno in aziende piccole, medie, grandi e “grandissime” attraverso subdoli tentativi di fidelizzazione dei dipendenti, come per esempio accade quando i superiori si riferiscono alle varie compagnie con termini come “famiglia”, o “squadra”.

Attraverso l’analisi e il racconto minuzioso di casi di cronaca politica e sociale, il libro affronta il tema dello sfruttamento e della forsennata ricerca del “lavoro dei sogni”.

La nuova tirannia del lavoro viene smascherata grazie all’aiuto e alla ri-contestualizzazione di grandi teorie filosofiche e sociologiche, prime fra tutte quelle di Hooks, Federici, Fisher e, naturalmente, Marx.

Sarah Jeffe

Sarah Jeffe è una giornalista freelance specializzata nella scrittura di libri e articoli che vedono come tema centrale il lavoro. Prima di diventare giornalista di successo infatti, Jaffe stessa ha vissuto sulla propria pelle la dimensione della precarietà lavorativa. In passato ha collaborato con testate giornalistiche del calibro de il New York Times, il Washington Post.

Inizialmente, la sua aspirazione era quella di diventare scrittrice e sceneggiatrice, ma quando nei primi anni 2000 si è laureata non ha potuto coronare il proprio sogno anche a causa di una galoppante recessione economica. Per questo motivo, la giovane Sarah iniziò ad interessarsi al tema del lavoro, e passo dopo passo si costruì un piccolo spazio nel mondo del giornalismo.

Oltre a Il lavoro non ti ama ha pubblicato nel 2016 un altro volume mai tradotto in italiano, dal titolo “Necessary Trouble. Americans in revolt”, in cui analizza le dinamiche sottostanti a molte delle controversie politiche degli Stati Uniti.

La recensione del libro

In Italia il libro di Jaffe è stato accolto come è possibile immaginare in sordina, ma coloro che ne hanno approfondito la lettura sono rimasta piacevolmente colpiti dagli spunti offerti nei vari capitoli. Sono infatti molte le recensioni che parlano del volume come di un’opera profonda, interessante, impegnata e nonostante ciò di piacevole lettura. La traduzione che troviamo nel volume edito da minimum fax è di Rocco Fischetti. Il volume è presente in tutte le principali librerie fisiche e online e può essere acquistato sia in formato cartaceo che in formato digitale.