TeleTrade: Perché alcuni titoli hanno continuato a rimbalzare o addirittura aumentare in mezzo a minacciosi avvertimenti?

69
TeleTrade

Il mercato statunitense ha appena concluso allegramente l’ultima settimana del mese, infatti il suo principale indice S&P 500 è salito di un altro 2,46% a quota 3.900 per la prima volta da metà settembre. Il rimbalzo rialzista è stato sorprendentemente esteso nonostante il vortice di avversità che ha coinvolto tra gli altri di Google, Facebook e Amazon.

I prezzi all’importazione denominati in dollari statunitensi hanno notevolmente aumentato i costi delle merci aggiungendosi all’aumento dell’offerta monetaria generata durante la pandemia, ma sono stati distribuiti in modo estremamente diseguale, principalmente a favore delle banche e dei mercati finanziari. In che modo la maggior parte delle società è aumentata di valore in quelle condizioni? Uno dei motivi è che, secondo i dati Refinitiv, oltre il 60% delle aziende negli Stati Uniti, ma anche in Europa, è andata meglio del previsto. Dopotutto, l’S&P 500 è inferiore di circa il 19% rispetto ai primi giorni di gennaio, il che potrebbe essere considerato un buon segno solo a fronte delle perdite annuali di quasi il 27,5% registrato tre settimane fa. Ciò significa che dovrebbero essere apportati alcuni aggiustamenti in modo che corrispondano a una correzione relativa nell’atteggiamento della comunità degli investitori, ma non a un cambiamento radicale nella tendenza al ribasso di medio termine basata sulla recessione, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

Un altro motivo è che il settore energetico ha avuto successo anche durante i periodi in cui i prezzi del petrolio sono stati leggermente ridotti ad agosto e settembre. Sia i ricavi che i profitti nella produzione e raffinazione del petrolio hanno impressionato gli investitori.

Alcuni titoli non legati al settore energetico, ma che resistono ai fenomeni inflazionistici in quanto appartengono a una classe economica con un reddito medio contenuto per i propri clienti, tra cui McDonald’s, Coca-Cola, PepsiCo e Walmart, o beni di prima necessità come Johnson & Johnson e Procter & Gamble, hanno attratto alcuni investitori dopo aver confermato il loro status con rapporti convincenti del terzo trimestre e/o dinamiche dei prezzi.

Sulla scia del rapporto trimestrale, buono ma non ottimo, Apple è aumentata del 7,56% durante la sessione di negoziazione di venerdì, tenendo conto che rappresenta quasi 2,5 trilioni di dollari di capitalizzazione. Il produttore di iPhone ha mostrato una certa resilienza alla crisi e ha persino menzionato che una certa pressione sulle vendite è prevista fino alla fine dell’anno, ma questa performance è stata sufficiente per gli investitori per mantenere Apple come il titolo quasi sicuro in contrasto con molte altre tecnologie che continuano ad avere cupe prospettive. Almeno non ha tradito e questo è un argomento per i grandi fondi di investimento e i piccoli investitori privati ????per rimanere fedeli ad Apple.

Una settimana di sfide difficili potrebbe essere davanti a noi con la Federal Reserve che dovrebbe aumentare i suoi tassi di interesse. Nel frattempo, gli investitori devono assimilare i deboli dati sull’attività delle fabbriche cinesi dopo che l’indice ufficiale dei gestori degli acquisti di quella regione è sceso all’inizio di lunedì a un livello depressivo di 49,2 inferiore al valore di 50,1 punti di settembre.

La folla degli investitori è stata anche elettrizzata dal rilascio dei dati sull’inflazione dell’Eurozona, che è balzata nettamente al 10,7%, ben al di là delle stime medie degli analisti del 10,2% e del precedente record del 9,9% appena un mese fa. Anche il prodotto interno lordo annualizzato in Europa ha mostrato solo un surplus dello 0,2% nel terzo trimestre rispetto all’1% delle previsioni medie e allo 0,8% nel secondo trimestre, suonando come un’altra inquietante storia di paura in pieno stile Halloween.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

Le analisi e le opinioni qui fornite sono intese esclusivamente a fini informativi e didattici e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio d’investimento da parte di TeleTrade.