Esperio: Azioni dell’UE spinte dal denaro giapponese e dalla ripresa dei colloqui di pace

309
Esperio

La comunità degli investitori si sta gradualmente riprendendo dai recenti shock. Martedì, le principali borse europee hanno sorprendentemente realizzato ampi guadagni già in apertura continuando a sfruttare la fase favorevole durante tutto l’arco della giornata. Dopo due settimane di contrattazioni nervose, i futures sull’indice Euro Stoxx 50 hanno superato la resistenza tecnica della zona di consolidamento, addirittura superandola di un 2,2%.

I leader delle rispettive deleghe per le negoziazioni tra Russia e Ucraina hanno tenuto i loro primi colloqui faccia a faccia in uno dei palazzi del presidente turco di Istanbul. I contatti offline sono ripresi dopo che i colloqui online sono stati sospesi per due settimane. Potrebbe significare che alcuni accordi potrebbero avere la possibilità di essere firmati presto. È ancora prematuro esserne certi, ma è meglio vedere qualche speranza dal lato del processo di pace che concentrarsi solo sulle bombe e sui missili che stanno cadendo sulle città.

Dal Giappone sono arrivate notizie incoraggianti. La Banca del Giappone ha promesso di mantenere le proprie politiche monetarie ultra accomodanti e di acquistare ancora quantità illimitate di obbligazioni pubbliche a 10 anni. In questo modo, stanno cercando di evitare che i rendimenti obbligazionari aumentino ulteriormente. Il rendimento a 10 anni delle obbligazioni giapponesi ha raggiunto lo 0,245%, superando il presunto tetto dello 0,25% fissato dalla stessa Bank of Japan. Il Giappone ha il più grande rapporto al mondo tra debito e prodotto interno lordo tra i paesi sviluppati, quindi questo rappresenta davvero un potenziale problema e le banche centrali devono reagire. Tuttavia, l’effetto collaterale è che ulteriori flussi di denaro liberi diventano disponibili per i mercati. Le azioni giapponesi hanno guadagnato l’1,85% da lunedì, ma una parte della grande torta giapponese è andata in Europa, commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio.

Il tasso di cambio dello yen giapponese è notevolmente instabile, con USDJPY che ha toccato il massimo dal 2015. Anche Masato Kanda, viceministro delle finanze per gli affari internazionali che gode della reputazione di primo diplomatico valutario in Giappone, ha ammesso che “l’eccessiva volatilità e le mosse disordinate delle valute potrebbero danneggiare la stabilità economica e finanziaria”. Ha anche confermato la determinazione del governo giapponese a “comunicare strettamente sulle questioni di cambio” con gli Stati Uniti. Tuttavia, tutte queste turbolenze non aiutano il mercato giapponese a diventare più attraente per gli investitori nazionali rispetto ai portafogli azionari europei o, ancor di più, americani.

A Wall Street, il mercato ha guadagnato un altro 1,2% dall’inizio della settimana; infatti, il principale indice S&P 500 ha testato la grande cifra di 4.600 punti. Il ritmo al rialzo delle azioni americane potrebbe essere al momento più lento di quello europeo, ma un percorso molto più lungo è già alle spalle di Wall Street. L’ultima volta che tali quotazioni per l’indice S&P 500 sono state disponibili è avvenuta il 20 gennaio, quindi le azioni americane stanno gradualmente recuperando sia le perdite legate al potenziale aumento dei tassi della Federal Reserve che le tensioni geopolitiche.

In contrasto con le dinamiche dall’altra parte dell’Atlantico, i mercati dell’UE sono in media vicini ai livelli del 1° marzo, ma risentono ancora di una mancanza di slancio positivo. Per quanto riguarda i giganti della tecnologia globale, Apple si è ripresa rapidamente dai cali di lunedì dovuti ad una riduzione delle forniture dalle fabbriche cinesi e ha mantenuto i suoi massimi mensili, Tesla continua ad attirare nuovi investitori grazie alla divisione delle sue azioni, però loro sono quotati a Wall Street e non nelle borse europee.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio