Esperio: FAANG in soccorso!

194
Esperio

La Federal Reserve (Fed) ha scosso i mercati azionari statunitensi. Gli investitori non riescono a tenere il passo dei responsabili delle politiche monetarie, poiché nel 2021 la Fed ha avviato il processo di tapering solo a novembre ma gli investitori se lo aspettavano prima per poter combattere l’inflazione, e ora all’inizio del 2022 la Fed sembra essere ancora più aggressiva del previsto.

A gennaio la Fed ha fornito maggiori dettagli sulle proprie azioni, spiegando in modo insolito il proprio piano d’azione. Il restante programma di acquisto di attività di $30 miliardi terminerà all’inizio di marzo e la Fed aumenterà i tassi di interesse per la prima volta dopo l’inizio della pandemia il 16 marzo. L’unica cosa che non è chiaro è se i tassi di interesse verranno aumentati dello 0,5% o dello 0,75%. La Fed ha anche indicato chiaramente che a maggio o a giugno di quest’anno inizierà ad abbassare il suo enorme bilancio di 8,8 trilioni di dollari.

Il capo della Fed Jerome Powell secondo i telegiornali dei mercati finanziari apparentemente non aveva intenzione di adulare i mercati, al contrario, ha sottolineato il ruolo guida dell’economia reale rispetto al mercato azionario. “Ci impegniamo a raggiungere i nostri obiettivi di stabilità dei prezzi”, ha affermato Powell durante la conferenza stampa. “Utilizzeremo i nostri strumenti sia per sostenere l’economia e avere un mercato del lavoro forte sia per evitare l’aumentare dell’inflazione”.

Gli indici azionari sono scesi subito dopo le dichiarazioni di Powell, ma sono rimasti al di sopra dei loro minimi nonostante la “benedizione” della Fed per una correzione più profonda, commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio. Hanno anche provato a tornare ai loro livelli medi. E ci sono alcuni motivi di ottimismo se guardiamo i movimenti delle aziende sul mercato.

Nel quarto trimestre 2021, Apple ha registrato utili per azione (EPS) con un aumento del 25% su base annua e ricavi in aumento dell’11%. La maggior parte delle vendite dei prodotti Apple è aumentata in modo significativo a eccezione dell’IPad. Ma la società ha deliberatamente ridotto le sue vendite a favore delle vendite del nuovo iPhone, ridistribuendo i microchip molto richiesti che scarseggiano.

Le azioni di Apple sono aumentate del 5% dopo l’orario di chiusura e dopo aver consegnato il rapporto sugli utili. Considerando la quota significativa della società negli indici azionari, la società potrebbe infatti portare il mercato al di sopra delle medie di 200 giorni, il che le consentirebbe di rinnovare le speranze per la sua continua crescita. Inoltre, il quadro tecnico per l’indice di mercato S&P 500 è cambiato al rialzo poiché gli investitori lo stavano difendendo dalla caduta al ribasso. Ma l’indice S&P 500 deve rimanere sopra i 4330 punti per alcuni giorni per rimbalzare a 4600-4700 punti. Dopo questo, Apple potrebbe avere definito una scorta di salvataggio per il mercato.

Ma non solo Apple. Il mercato ha bisogno di storie più positive per un aumento importante. L’investitore miliardario William Ackman ha affermato che il suo hedge fund ha acquisito 3,1 milioni di azioni di Netflix Inc, indicando che Pershing Square, il fondo che ha acquisito una partecipazione in Netflix, lo ha fatto a causa di una combinazione delle reazioni negative degli investitori alla crescita degli abbonati della società di streaming nel quarto trimestre e la recente volatilità del mercato. “Ammiro da tempo Reed Hastings e la straordinaria azienda che lui e il suo team hanno costruito”, ha scritto il Sig. Ackman in un tweet giovedì. “Siamo lieti che il mercato ci abbia offerto questa opportunità”, Ackman si stava complimentando con il modello di business dell’azienda in una lettera inclusa nel suo tweet e non ha fornito alcuna indicazione che l’investimento sarebbe stato una posizione di attivista.

Tuttavia, sono necessarie storie aziendali più positive per garantire questa fragile ripresa. Google, Amazon e Facebook sono tra i market mover che riporteranno negli ultimi giorni di gennaio e all’inizio di febbraio. Google deve superare una stima di consenso per i ricavi che è ancorato a 59,3 miliardi, che è un aumento del 27,8% rispetto al numero riportato l’anno scorso. Il punteggio di consenso per gli utili (EPS) è ancorato a $26,69, indicando un aumento del 19,7% rispetto al dato riportato dell’anno precedente. In particolare, la cifra è scesa dello 0,6% negli ultimi sette giorni. Una possibilità per una cifra EPS a sorpresa è stimata in media al 41,53% considerando le consegne finali dei quattro trimestri.

Le entrate del quarto trimestre di Amazon dovrebbero aumentare del 9,7% anno su anno a 137,72 miliardi e l’utile per azione dovrebbe diminuire del 73% a $3,74. Eventuali cifre migliori o indicazioni di Amazon potrebbero essere un motivo per una prospettiva al rialzo per il mercato.

Facebook prevede che le entrate totali del quarto trimestre 2021 saranno comprese tra 31,5 miliardi e 34 miliardi, mentre gli analisti si aspettano entrate medie di 34,89 miliardi. Sembra che le aspettative degli analisti siano giustificate poiché Facebook si aspetta ulteriori venti contrari dalle modifiche di iOS 14 di Apple e da una migliore macroeconomia che ora stanno chiaramente favorendo l’azienda. Inoltre, gli sforzi della Fed per sostenere l’economia sosterrebbero sicuramente aziende come Facebook che sta consolidando la ripresa del fragile mercato azionario.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio