Esperio: I prezzi del greggio potrebbero subire un ulteriore calo a gennaio 2022

386
prezzi del greggio

I prezzi del greggio faticano a tornare ai massimi livelli a causa delle riserve che dovrebbero essere disponibili sul mercato entro la fine del 2021. Gli Stati Uniti hanno dichiarato che, il 17 dicembre, rilasceranno circa 18 milioni di barili dalla loro riserva strategica di petrolio, un’azione che dovrebbe far abbassare i prezzi. L’amministrazione della Casa Bianca ha promesso di rilasciare petrolio insieme ai suoi partner cinesi, giapponesi, indiani, inglesi e della Corea del Sud. Ma continuano a mantenere il silenzio su qualsiasi avviso di vendita di greggio.

Tuttavia, ora non sembra essere una grave minaccia per il mercato petrolifero poiché i produttori di petrolio non sono vincolati dall’accordo OPEC+. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, paesi come Stati Uniti, Canada e Brasile sono destinati a pompare ai livelli più alti di sempre. Se l’OPEC+ continuerà con il suo graduale aumento della produzione di greggio di 400.000 barili al giorno l’anno prossimo, ciò porterebbe a un surplus di 1,7 milioni di barili al giorno nei primi tre mesi del 2022 e a 2 milioni di barili al giorno entro luglio del prossimo anno. L’AIE afferma che “anche l’Arabia Saudita e la Russia potrebbero stabilire dei record, se i restanti tagli dell’OPEC+ saranno completamente annullati”.

L’Organizzazione degli esportatori di petrolio (OPEC) ha suggerito che il surplus potrebbe anche superare i 2,3 milioni di barili al giorno a gennaio e i 3,7 milioni di barili al giorno a febbraio negli Stati Uniti e che i suoi alleati rilascerebbero tutto il petrolio aggiuntivo dalle loro riserve. Ma questo sembra non essere il caso.

Un’altra minaccia è la variante Omicron di COVID-19 che è stata riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come una minaccia reale da non sottovalutare. Sicuramente, ormai abbiamo imparato che se sottovalutiamo questo virus è solo a nostro rischio e pericolo, commenta Queen Denise Keza, l’analista di Esperio.

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che “anche se Omicron causa malattie meno gravi, il numero di casi potrebbe ancora una volta sopraffare i sistemi sanitari impreparati”. La posizione ferma delle autorità mediche di tutto il mondo ha già portato a restrizioni di viaggio in diverse regioni del Sudafrica. La variante Omicron è altamente trasmissibile, anche molto più della precedente micidiale Delta. Ciò ha portato i responsabili delle politiche in alcuni paesi come il Regno Unito e l’Australia a revocare le restrizioni poiché ci sono troppe nazioni che hanno già segnalato casi di Omicron. L’OMS afferma che 77 paesi hanno segnalato infezioni da Omicron, ma anche il capo dell’organizzazione ha riconosciuto che “la realtà è che Omicron è probabilmente nella maggior parte dei paesi, anche se non è stato ancora rilevato”. Paul Burton, chief medical officer di Moderna, è stato ancora più pessimista dicendo che Omicron e Delta potrebbero creare una nuova super-variante. Il dottor Burton, il capo ufficiale medico del produttore di vaccini, ha avvertito che l’alto numero di casi Delta e Omicron attualmente in circolazione in Gran Bretagna ha reso questo più probabile.

Questa settimana i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno aggiunto tre nazioni alla categoria a più alto rischio per i viaggi, inclusa l’Italia. La decisione è arrivata mentre l’Europa continua ad affrontare un’altra ondata di casi COVID-19. Il governo italiano ha approvato una proroga dello stato di emergenza nel Paese fino al 31 marzo. Le nuove misure di confinamento includeranno una quarantena di cinque giorni per i viaggiatori non vaccinati che entrano in Italia, compresi i viaggiatori europei. I viaggiatori vaccinati dovranno invece presentare un risultato del test negativo. Queste nuove misure dovrebbero essere attuate dal 16 dicembre al 31 gennaio.

Le restrizioni complessive ai viaggi in Europa e negli Stati Uniti potrebbero colpire nuovamente la domanda di greggio e abbassare i prezzi anche senza interventi dei governi.
Sebbene la situazione pandemica stia peggiorando su scala globale, i prezzi del greggio sono ancora molto alti e persino al di sopra dei livelli prepandemici. Ma la pressione sul mercato petrolifero continua a salire e con la riunione dell’OPEC+ di gennaio i prezzi del greggio potrebbero nuovamente accelerare al ribasso. La combinazione di fattori sfavorevoli potrebbe spingerli sotto i 70 dollari al barile a fine gennaio.