Un weekend alle Eolie: le tappe da non perdere (e i consigli per spostarsi)

78
weekend alle Eolie

Perché aspettare le vacanze estive o le feste comandate per prendersi un momento di pausa dalla quotidianità? Se si ha modo di essere liberi il weekend, momento più atteso della settimana, si potrà scegliere di sfruttarlo per non riposarsi nel più classico dei modi, come lo stare a casa nel letto e alzarsi più tardi, bensì andando a scoprire tanti luoghi meravigliosi che il nostro pianeta ha da offrirci.

Specialmente adesso che il turismo sta riprendendo quota grazie alle riaperture concesse dai diversi governi. Se a disposizione avete solo due giorni, il primo consiglio è quello di rimanere in Italia. Una delle tappe più consigliate da visitare a tal proposito sono le Isole Eolie. Questo perché le sette isole dell’arcipelago al largo della Sicilia sono facilmente raggiungibili e visitabili, in buona parte, nell’arco di 48 ore, sia d’estate che d’inverno. Insomma non c’è periodo dell’anno che non permetta di ammirare le loro bellezze.

Come arrivare e spostarsi nelle Isole Eolie?

Uno dei punti a favore delle Isole Eolie sono i mezzi di trasporto. Infatti, raggiungere l’arcipelago è facilissimo attraverso i numerosi collegamenti che ogni giorno partono sia dalla Sicilia, specialmente Palermo, Catania, Messina e Milazzo, sia da Napoli che da Reggio Calabria.

Si può scegliere se salire a bordo di un aliscafo, di un traghetto o, addirittura, di un elicottero. Insomma, non mancano le opportunità. Inoltre, conviene decidere di fare base su un’isola, magari consultando le possibilità di alloggio offerte da un’agenzia immobiliare attiva a Lipari, e poi muoversi tra un’isola e l’altra comodamente o attraverso imbarcazioni pubbliche, che ogni giorno partono più volte dai porti delle singole isole e raggiungono le altre dell’arcipelago, una sorta di autobus via mare, oppure attraverso l’affitto di gommoni o motoscafi privati.

Non tutte le isole, infine, posseggono delle vere e proprie strade asfaltate e hanno spesso limitazioni a livello di traffico per i non residenti. Il consiglio, quindi, è quello di muoversi a piedi o tramite servizio di trasporto pubblico locale.

Cosa vedere sulle Isole Eolie?

Dato che un weekend potrebbe non bastare a vedere davvero tutto, vi proponiamo di seguito alcune tappe che non vanno perse per alcun motivo al mondo qualora decideste di recarvi sulle Isole Eolie. Partendo da quelle presenti sull’isola maggiore dell’arcipelago: Lipari.

Qui è doveroso visitare l’imponente castello cinquecentesco che domina l’intera isola, facendo anche un salto al Museo Archeologico, ricco di testimonianze e reperti risalenti addirittura al Neolitico. Se poi si vuole rimanere incantati da un panorama mozzafiato, è d’obbligo incamminarsi per raggiungere il Belvedere Quattrocchi, da cui è possibile ammirare anche il cratere di Vulcano. Da Lipari, poi, si può facilmente raggiungere Salina, sulla quale è possibile visitare due meravigliose località chiamate Malfa e Lingua.

Contraddistingue questi piccolissimi borghi la disposizione quasi artistica delle loro abitazioni, oltre che una cucina locale di altissima qualità tutta da gustare. Se, poi, siete amanti del cinema d’autore, non potrete dimenticare la Spiaggia di Pollara, scenario di una delle scene più famose del film “Il Postino” dell’indimenticabile Massimo Troisi.

Dato che avremo a disposizione solo il weekend, possiamo dedicare le ultime ore del nostro soggiorno sulle Eolie a escursioni naturalistiche a Filicudi e Alicudi, dove si possono visitare, tra gli altri, rispettivamente il caratteristico faraglione denominato “La Canna” e la meravigliosa Spiaggia di Bezzina. Oppure, se siete amanti di vulcanologia, non vi resta che fare un salto sulle isole di Vulcano e Stromboli, per ammirarne da vicino i crateri.

Più adatta alla stagione estiva, invece, è Panarea, date le sue spiagge incantevoli dalle acque cristalline, come la Spiaggia Calcara, per quanto un salto al Promontorio di Capo Milazzese al tramonto sia obbligatorio anche nel resto dell’anno.