Come avviare un’attività da zero

102
attività da zero

Sempre più persone, sia giovani che meno giovani, desiderano avviare una loro attività e spesso partendo da zero, come possono riuscirci?

Ci sono molti ragazzi che, concluso il loro percorso di studi e dopo aver inviato senza particolari riscontri decine o magari centinaia di curriculum vogliono provare a realizzare il loro sogno di un’attività indipendente e magari innovativa. Ci sono anche persone più adulte che dopo una vita di lavoro si trovano ad un punto di svolta e vorrebbero cimentarsi con nuove sfide, avviando una propria attività.

Avviare una propria attività da zero non è certo facile, ma è un sogno alla portata di tutti se lo si approccia con la giusta mentalità e con un’adeguata dose di entusiasmo. Vediamo nel concreto di che altro c’è bisogno oltre a questo.

Come avviare un’attività da zero: l’importanza del business plan

Troppo spesso gli aspiranti imprenditori sottovalutano il ruolo primario che dovrebbe sempre avere il business plan. Non serve necessariamente redigere un piano economico complesso e dettagliato come quello di una grande multinazionale, ma anche se si vuole avviare una piccola attività da freelance sarà importante fare una previsione di massima delle spese e dei possibili guadagni.

Nessuno ha la sfera di cristallo per predire il futuro, ma partire allo sbaraglio non è certo la strategia più saggia. Bisogna avere le idee chiare, anche se poi con ogni probabilità le cose cambieranno strada facendo.

Come avviare un’attività da zero grazie ad un prestito

Quando si desidera avviare una propria attività bisogna essere pronti a fare degli investimenti. Prima di poter iniziare a guadagnare è molto probabile che si dovrà spendere o meglio investire per poter iniziare l’attività, farla conoscere, ecc. Una possibile strada è quella di usare i propri risparmi, in alternativa ci sono i prestiti Agos Ducato che possono andare incontro a diverse esigenze e come spiegato da CuraLeTueFinanze non sono difficili da ottenere.

In ogni caso, ricollegandosi al punto precedente, sarà bene riflettere sull’attività che si intende avviare e redigere un piano con tutte le spese necessarie: strumenti di lavoro, affitti di spazi, licenze software e tutto quello che sarà propedeutico all’apertura del nostro nuovo business, solo in questo modo potremo quantificare i costi necessari e orientarci di conseguenza per reperire i fondi necessari.

Come avviare un’attività da zero: l’importanza della formazione

Troppo spesso si sottovaluta la grande importanza di un’adeguata formazione. Avere un gruzzoletto aiuta molto nella fase iniziale e si potrebbe pensare che con l’entusiasmo si possa fare il resto, ma in realtà la formazione è un altro ingrediente di primaria importanza, senza il quale si rischia di non andare lontani.

Se ci si vuole mettere in proprio non si può lasciare nulla al caso. Improvvisare non è certo l’approccio giusto. Bisogna studiare e entrare sul mercato in modo deciso, mirato e consapevole.

Anche se non desideri necessariamente diventare il leader del tuo settore, avere un’adeguata formazione e investire su un costante aggiornamento è l’unica strategia che ti permetterà di continuare a lavorare e ad avere successo anche in un mercato, come quello di oggi, sempre più dinamico mutevole.