Malattie della pelle con il freddo: è utile inserire il pesce nella dieta

151
freddo
Pexels/Pixabay

D’inverno la pelle, esposta al freddo, può risultare secca e screpolata e presentare i cosiddetti “geloni”. Questo inestetismo e fastidio può essere contrastato usando prodotti cosmetici specifici che non siano aggressivi e che non vadano a peggiorare la situazione.

Inoltre, sempre con il freddo, possono comparire o aggravarsi altre malattie come la psoriasi, la dermatite atopica e la dermatite seborroica.

In tutti questi casi, restano fondamentali delle regole generali e cioè quelle di non lavarsi con acqua né troppo calda né troppo fredda e utilizzare detergenti che contengano oli, in modo che non vadano a rovinare il film idrolipidico che protegge la pelle.

Passando in rassegna le malattie più frequenti, la psoriasi (nella sua forma più lieve), si può combattere utilizzando nella propria igiene dei prodotti cosmetici oleati, che non facciano troppa schiuma.

Inoltre, come consiglia il direttore del reparto di Dermatologia dell’Ospedale “Annunziata” di Cosenza, Eugenio Provenzano, può risultare utile:

  • non esporsi eccessivamente ai raggi ultravioletti artificiali o UVB;
  • introdurre nella propria dieta e consumare con frequenza l’olio d’oliva e il pesce azzurro, che è ricco di Omega 3.

Nel caso, invece, di dermatite atopica (che è molto frequente anche nei bambini), un consiglio è quello di limitare il consumo di prodotti come nocciole, arachidi o frutta secca che, liberando istamina, generano un forte prurito, aggravando la situazione.

Resta, poi, il solito consiglio di utilizzare, per la propria igiene, dei prodotti detergenti che contengano oli e che siano idratanti.

La dermatite seborroica, invece, è un disagio che colpisce per di più gli uomini.

Per questa condizione, può essere utile utilizzare sostanze come lo zinco o la biotina.